Racconti

Ricordo di essere stata qui un giorno...

Ricordo di essere stata qui un giorno.

Ricordo di essere stata su di un prato.

_B0A4075.jpg

Ricordo il calore delle sue mani e l’odore di tabacco di lui.

Lo sguardo di protezione di lei mi lasciava la tranquillità di esplorare il bosco.

Ed annusavo i fiori… L’erba mi faceva il solletico sui piedi. Il bosco cantava, ma non capivo da dove provenissero i suoni. Li seguivo con lo sguardo fino ai rami più alti. Ma non si svelavano mai ai miei occhi.

Non so perché, ma sapevo che un giorno sarei stata sola ad orientarmi in un quel prato.

Ma i sapori, gli odori sono come abbracci…

Il vento è la sua carezza sul viso, i disegni delle nuvole sono i suoi giochi, i nomi buffi dati ai fiori…

Lui non sapeva nulla di fiori e piante, allora li inventava.

Sapevo che sarei stata sola, un giorno, su questo prato.

Sapevo che avrei dovuto ricordare il sentiero per arrivare fin qui, dove arrivano ii ricordi e dove le parole riemergono dalla terra e respirano in testa. Dove le sorgenti spalancano gli occhi a riflessi di giorni in gocce.

Sapevo di dover venire qui per ritrovare quella carezza sul viso.

E fumo un sigaro davanti a questa vista, faccio i suoi giochi, lascio che l’erba mi solletichi i piedi, mentre attenta rivolgo a lei quello sguardo di protezione che quel giorno mi fece sentire libera. Libera di giocare, di scoprire, di trovare me stessa in questo mare verde.